salta il sommario e vai ai contenuti

Sommario sezioni

salta il menu secondario e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu lingue salta il menu lingue e vai al sommario
interreg_slide01 interreg_slide02 interreg_slide03
titolo sito
salta il menu principale e vai al menu secondario
salta il percorso di navigazione e vai al sommario
salta il menu di sezione e vai al menu approfondimenti
Comitato di Sorveglianza
salta il menu approfondimenti e vai al menu principale salta i contenuti e vai al menu di sezione
Il Comitato di Sorveglianza è l’organo politico responsabile dell’efficacia e della qualità dell’attuazione del Programma Operativo.

Fra i suoi compiti l’esame e l’approvazione dei criteri di selezione delle operazioni finanziate, della Guida di attuazione del Programma, dei Rapporti annuali e finali di esecuzione.

Sulla base dei documenti presentati dall’Autorità di Gestione, valuta periodicamente i progressi compiuti nel conseguimento degli obiettivi specifici del Programma Operativo.

Sono membri del Comitato con diritto di voto:
  • un rappresentante politico di ogni Amministrazione corresponsabile;
  • un rappresentante di ogni Autorità nazionale italiana competente (Ministero dello Sviluppo Economico – DPS e Ministero dell’Economia e delle Finanze – IGRUE).

Sono membri con funzione consultiva:
  • un rappresentante della Commissione Europea;
  • un rappresentante della Confederazione Elvetica;
  • l’Autorità di Certificazione;
  • l’Autorità di Audit;
  • due rappresentanti (uno italiano e uno svizzero) del Gruppo Tecnico Ambiente;
  • un rappresentante per parte italiana corresponsabile e uno per parte  Svizzera, competenti in materia di Pari Opportunità;
  • rappresentanti del partenariato istituzionale e delle autonomie funzionali, del partenariato socio-economico e del terzo settore.

Il Comitato di Sorveglianza si riunisce, su convocazione del Presidente, in via ordinaria almeno una volta all’anno, e in via straordinaria ogniqualvolta uno dei suoi componenti con funzione deliberante ne faccia motivata richiesta.