salta il sommario e vai ai contenuti

Sommario sezioni

salta il menu secondario e vai al motore di ricerca salta il motore di ricerca e vai al menu lingue salta il menu lingue e vai al sommario
interreg_slide01 interreg_slide02 interreg_slide03
titolo sito
salta il menu principale e vai al menu secondario
salta il percorso di navigazione e vai al sommario
salta il menu di sezione e vai al menu approfondimenti
Il programma Italia-Svizzera
salta il menu approfondimenti e vai al menu principale salta i contenuti e vai al menu di sezione
Con i suoi 700 Km di lunghezza, per una superficie di circa 38.000 Km2 ed una popolazione di 4.181.879 abitanti, il territorio fra Italia e Svizzera coinvolto nel Programma di cooperazione transfrontaliera 2007-2013 costituisce una delle frontiere esterne dell’Unione Europea e si trova in una posizione assolutamente centrale e strategica in Europa.

Il nuovo Programma si propone di attivare progetti per rafforzare la cooperazione tra i due fronti sviluppando le priorità di Lisbona (fare dell'Unione la più competitiva e dinamica economia della conoscenza entro il 2010) e di Göteborg (lanciare una strategia europea per lo sviluppo sostenibile).
 
Le tre priorità che il Programma 2007-2013 indica per lo sviluppo dei progetti sono:

Priorità 1: Ambiente e territorio
Priorità 2: Competitività
Priorità 3: Qualità della vita

Il Programma è stato approvato con decisione 6556 del 20 dicembre 2007 della Commissione europea.
Le zone ammissibili al Programma sono: le Province di Como, Lecco, Sondrio e Varese (Regione Lombardia), le Province di Vercelli, del Verbano-Cusio-Ossola, di Biella e Novara (Regione Piemonte), la Provincia di Bolzano, la Regione Valle d’Aosta e i tre Cantoni svizzeri del Ticino, del Vallese e dei Grigioni.
Sono ammesse a partecipare come zone adiacenti le Province di Milano, Monza e Brianza, Bergamo, Brescia, Pavia (Regione Lombardia), Torino e Alessandria (Regione Piemonte).

cartina_aree.jpg